martedì 16 settembre 2008

Gli ambientalisti e la loro montagna di bufale


Gli ambientalisti hanno sempre usato le bufale per tentare di fermare il progresso in America. Prima dell’avvento della bufala del cosiddetto riscaldamento globale, si possono citare dozzine di altre bufale scaturite dal mondo ambientalista negli ultimi due secoli. Tutte queste bufale sono state all fine smascherate ma una rimane ancora in auge.

Ecco un breve elenco delle principali bufale ambientaliste.

1. Nel 1820 vi erano 1 miliardo di abitanti sulla Terra. Gi ambientalisti dissero che si doveva trovare il modo di mettere al mondo non più di un altro miliardo di persone, poiché la Terra non ne poteva ospitare più di 2 miliardi. Siamo a settembre 2008 e vi sono 6.677.563.921 di persone sulla Terra. Gli ambientalisti ante-litteram si sbagliavano.
2. Nel 1860 l’anarchico Henry David Thoreau, un altro famoso fanatico alla Al Gore, scrisse libri su come stavamo distruggendo il pianeta. Thoreau pretendeva che si smettesse di tagliare gli alberi. Al 2008 tutte le sue previsioni si sono rivelate infondate.
3. Nei primi anni del ‘900 una moltitudine di cosiddetti scienziati ed ambientalisti intelligenti fecere previsioni su come l’uomo avrebbe cessato di esistere entro il 2000. Molti di questi fanatici erano inglesi ed Oscar Baumann a Londra coniò la parola ‘smog’. Da allora i fanatici ambientalisti hanno usato questa parola a scopo di propaganda. Dicevano che avremmo cessato di esistere a meno che non si smettesse di avere figli e se se non si fermavano le fonti che producevano smog. Siamo al 2008 e l’aspettativa di vita delle persone è più alta che mai.
4. Nel 1933 gli ambientalisti di American Environmentalist si accorsero che non vi erano progressi nel campo della distruzione della civiltà umana perché stavamo ancora mettendo al mondo bambini (bestiame ai loro occhi), così fecero lobbismo presso i loro politici corrotti affinchè fosse approvato l’Agricultural Adjustement Act. In effetti questo provvedimento passò. QUESTA LEGGE PREVEDEVA SIA LIMITI ALLE PRODUZIONI AGRICOLE SIA AL BESTIAME CHE I CONTADINI POTEVANO DETENERE. Perché vi chiederete ! Il loro scopo finale era il deperimento dell’agricoltura americana, smontandola un pezzettino alla volta. La salvezza dell’ambiente, del suolo e dell’erba era la loro scusa per giustificare questa legge di stampo Marxista. Il Presidente Franklin Delano Roosevelt fu felice di approvare questa legge, anche se a quel tempo l’America stava uscendo dalla Grande Depressione che aveva causato già il 25% di disoccupati fra le forze lavoratrici. Gli ambientalisti furono felici di presentare l’Agricultural Adjustement Act al Presidente Roosevelt allo scopo di far aumentare il numero di disoccupati fra i contadini. Più disoccupati voleva dire che meno persone avrebbero avuto figli, secondo gli ambientalisti.
5. Verso la fine degli anni ’60 e all’inizio dei ’70, gli ambientalisti cercarono di convincerci che il pianeta stava andando verso una fase di raffreddamento globale. Non c’è nulla di sbagliato in una affermazione del genere, solo che questi dicevano che la gente era la causa per la quale la Terra si stava raffreddando (C’è bisogno di aggiungere altro ?).
6. Verso la fine degli anni ’70 e all’inizio degli ’80 dopo il fallimento della campagna sul raffreddamento globale, gli ambientalisti dissero che le piogge acide ci avrebbero ucciso e avrebbero inquinato tutte le riserve idriche se non si fossero chiusi gli impianti industriali. Non c’è bisogno di dire che le industrie non sono state chiuse perché la gente ha bisogno di lavorare per portare cibo a casa e questa ulteriore previsione si dimostrò una nuova bufala.
L’ultima bufala degli ambientalisti potrebbe essere la rovina finale dell’America se non togliamo la testa da sotto la sabbia: il Riscaldamento Globale ! Di tutte le bufale scaturite dal cappello degli ambientalisti, questa è la più pericolosa. Anche i peggiori insegnanti stanno oramai convincendo gli studenti che è colpa delle persone se la Terra si sta riscaldando.
Questi sono i fatti ! La temperatura della Terra è aumentata mezzo grado. Molto di questo riscaldamento si è verificato prima della Seconda Guerra mondiale secondo la NASA. C’entrano qualcosa gli uomini e le emissione di CO2 ? Ben tre eruzioni vulcaniche in Indonesia (1883), Alaska (1912) e Islanda (1947) provocarono l'immissione nell’atmosfera di anidride carbonica e solforica in quantità maggiori rispetto a tutte le attività industriali umane.
Il Partito Democratico ha sfornato in America di volta in volta quelli che avrebbero assunto il ruolo di guru della religione ambientalista, e questi oggi è Al Gore. Nel 2004 uno tsnumani uccise oltre 200.000 persone: Al Gore disse che era colpa del Riscaldamento Globale (come può la temperatura dell’atmosfera causare un terremoto sottomarino ?). Non farci ridere, Al Gore. Nel 2005, dopo il disastro dell’uragano Katrina, di nuovo Al Gore disse che era colpa del Riscaldamento Globale. Disse anche: “Se pensate che il 2005 sia stato un anno duro per gli uragani, non sapete ancora cosa ci aspetta l’anno prossimo”. Ebbene, nel 2006 non un singolo uragano colpì le coste statunitensi. In effetti il 2006 è stato uno degi anni migliori per l’assenza di questi eventi climatici. Cosa è successo, Al Gore ?
Ora si sa che ha vinto il Premio Nobel per la Pace, come Jummy Carter e Yasser Arafat. Il Premio Nobel per al Pace ha perso credibilità già da molti anni. E’ in effetti ora un premio politico. Se un terrorista come Arafat può vincerlo allora può vincerlo anche Al Gore.

Ora se il mondo non farà qualcosa per opporsi alla bufala del Riscaldamento Globale ci saranno sempre più tasse. Con i soldi degli americani il Partito Democratico rimpinguerà le casse degli ambientalisti. Li devono fare felici perché sono un grande bacino di voti per il partito Democratico. I voti sono potere e questo il Partito Democratico è tutto ciò che vuole. Infine, non si vede molta luce in fondo al tunnel. In effetti la psicosi ambientalista può aver alla fine trovato un modo per annichilire le potenzialità umane. Con le industrie che devono rallentare o chiudere a causa delle emissioni di CO2, molte persone perderanno il lavoro e tutto a causa di una misera bufala ! Senza soldi in tasca, molte persone dovranno rinunciare ad avere figli. I figli saranno guardati come una fonte di spese (e questo è quello che gli ambientalisti hanno cercato di ottenere da 100 anni). La gente senza lavoro alla fine potrebbe anche deperire e morire, con vera gioia da parte degli ambientalisti.
Ora si sa che il Partito Democratico è pro-scelta invece che pro-vita. Se fosse per gli ambientalisti, tutte le madri dovrebbero abortire ! Gli ambientalisti odiano le persone. E ai bambini che sono nati loro vogliono fare il lavaggio del cervello. Non puoi più nemmeno guardare un cartone animato o un film coi tuoi bambini senza che ci sia un qualche motivo di politica ambientale in sottofondo. I bambini tornano a casa da scuola e dicono ai genitori che stiamo uccidendo gli Orsi polari.

6 commenti:

MaRaNtZ ha detto...

(1)-----
No, non si sbagliavano, semplicemente non potevano prevedere la seconda rivoluzione agricola, che utilizzando macchinari e fertilizzanti è riuscita a triplicare la produzione, con l'esaurirsi dell'era del petrolio due o tre miliardi di persone ritornerà ad essere assai probabilmente il limite di sostenibilità.

(2)-----
Non direi proprio, visto che ogni anno continua a sparire una superficie di foresta pari all'estensione della valle d'aosta. Con l'avvento dell'era dei biocarburanti il problema può solo peggiorare, anche se l'abbandono delle agricolture rurali ha causato un certo "rimboschimento" delle aree collinari e montuose poco antropizzate.

(3)-----
Avere aspettativa di vita più alta non significa vivere in salute, i centenari di oggi sono nati nel 900, ne riparliamo quando i centenari nati nell'anno 2000 si faranno vivi, la correlazione fra neoplasie ed inquinamento è evidente ed innegabile, curarsi meglio in un mondo malato non è certo definibile come progresso.

(4)-----
Le tue sono soltanto illazioni nemmeno suffragate dai dati storici.

(5)-----
Le "teorie" dell'IPCC mi sembra stiano ancora avendo un grosso accredito presso il mondo scientifico (tutti complottisti?), non puoi presentare come bufala qualcosa che ancora non è stata dichiarata tale dalla storia, la temperatura globale in effetti aumenta, ma localmente può esserci anche una diminuzione, come in Antartide.

(6)-----
Il fatto che le piogge acide non esistano, non può essere dimostrato dal fatto che nessuno a fatto nulla per evitarle (pertanto non esistono), non sta in piedi proprio come forma logica. Casomai abbiamo scoperto, data l'abitudine ad un mondo degradato, che ci si può convivere benissimo.

(INFINE)-----
Ma tu chi saresti per pontificare di tutte queste presunte bufale ? Sei un tecnico del settore, uno scienziato, oppure solo un credulone che seleziona i dati su wikipedia ? Che "credibilità" hanno le tue affermazioni ? Insomma, da che pulpito scrivi tutte queste arroganti prese di posizione ? Sei parente per caso di Franco Battaglia ?

Se ti va bene, non pubblicherai nemmeno il mio post, se non ti va bene, lo pubblicherai, facendo finta di non capirlo.

larry ha detto...

marantz scusami ma sei proprio tu a fare la figura del credulone.

ma come?

ancora ti ostini a portare avanti idee vecchie e dimostratesi errate solo perchè
hai paura di vedere il vero male del mondo: il pensiero totalitario





guardati in giro... chiunque porta avanti queste idee (devo indicarti i nomi dei
sedicenti ambientalisti e dei governi che supportano queste ideologie?) rifiuta
sempre un confronto basato su dati oggettivi, per non parlare del fatto che il
loro unico interesse è quello di limitare le libertà: in primis quelle
economiche.

subito dopo si occuperanno delle altre...

noalgore ha detto...

@MaRaNtZ
Comincio dalla FINE: volevo farti notare che non sono io l'autore del testo, ma ho semplicemente tradotto dal blog che compare nel link sotto il titolo. Quindi:

(1) Se si rimane ancorati fideisticamente al neo-malthusianesimo e al paciamamismo (il culto di Madre Terra) si rimarrà un passo indietro rispetto al rendersi conto che il XX secolo ha visto la più grande crescita della ricchezza, della produttività, della salute, delle condizioni di vita e della speranza di vita, la popolazione è aumentata di 4 volte e il prodotto lordo mondiale è aumentato di 17. L'"esaurirsi del petrolio" è l'ennesima sciagura prevista dalle solite cassandre, mentre in realtà nessuno è in grado di sapere la quantità di risorse minerarie che si celano nel sottosuolo. Sembra comunque che la realtà nota sia ben più congrua di quanto l'élite mondialista che controlla la produzione ed i prezzi sia disposta a farci sapere.

(2) Contrariamente a quanto gli ambientalisti vorrebbero far credere, WWF in testa, l'area della Terra coperta dalle foreste è cresciuta negli ultimi 50 anni da 3,5 milioni di ettari nel 1949 a 4 milioni di ettari nel 1988, superficie che è rimasta praticamente invariata negli ultimi 18 anni (Fonti FAO e World Resource Institute).

(3) L'élite mondialista che controlla il movimento ambientalista controlla anche la scienza medica e l'industria del farmaco. Se fosse così lineare la correlazione fra neoplasie e inquinamento, allora le prime dovrebbero diminuire, dato che l'inquinamento, fenomeno antico, è in continua diminuzione. Infatti, il Rapporto 2002 dell'OCSE diceva che in tutti i paesi considerati si registravano "riduzioni significative nelle emissioni" e si prevedeva che tale tendenza "si rafforzerà nel periodo che va fino al 2020". Bjørn Lomborg afferma che addirittura l'inquinamento negli ultimi 40 anni sia sceso del 70%.

(4) Ti risulta che l’Agricultural Adjustement Act non appartenga alla "storia" ?

(5) Ti cito: >Le "teorie" dell'IPCC mi sembra stiano ancora avendo
> un grosso accredito presso il mondo scientifico (tutti complottisti?),
> non puoi presentare come bufala qualcosa che ancora non è stata
> dichiarata tale dalla storia, la temperatura globale in effetti aumenta,
> ma localmente può esserci anche una diminuzione, come in Antartide.

Vero, c'è credito verso l'IPCC ma non c'è unanimità. C'è molto credito fra i politici mentre c'è una forte componente scientifica, in aumento, che rimane scettica. La temperatura globale ha degli alti e bassi ed è in diminuzione dal 2006. Circa l'Antartide le cose stanno così: a fronte di una fase di aumento della temperatura globale, rilevata almeno fino al 2006, i ghiacci marini hanno continuato ad aumentare negli ultimi 30 anni, rivelando che non c'è una correlazione lineare fra le temperature rilevate dall'IPCC e lo scioglimento dei ghiacci antartici.

(6) Circa le piogge acide, è vero, esistono. Ma non hanno raggiunto quella portata che si voleva far credere ed i loro effetti sulle foreste sono in forte diminuzione (vedasi: diminuzione dell'inquinamanto atmosferico e aumento della qualità e della quantità delle foreste.

Domande finali. Io sono un post-ambientalista (ambientalista scettico ?) che proviene da oltre 25 anni di militanza nel mondo ambientalista ed 8 nei Verdi, quindi mi sento in diritto ed in dovere di dire e scrivere ciò che penso in questa fase. Il "pulpito" dal quale scrivo è questo blog, e talvolta dico la mia intervenendo nei pubblici dibattiti sui temi trattati qui. Non sono parente di Franco Battaglia, che comunque stimo ed ammiro pure senza conoscerlo.

Zeus ha detto...

MI spiace, ma di marxista non c'e` proprio niente.
Anzi, se uno che proprio ha criticato aspramente le teorie di Malthus (e il suo fattore esponenziale, ecc............), questo era proprio Karl Marx.
Piuttosto Marx si riferiva ad un rapporto armonico uomo-natura, dove ogni elemento doveva dare il "cambio" in maniera organica; ovvero, va bene utilizzare p.e: la pianta, ma ricordati di seminarne un'altra per il futuro.

noalgore ha detto...

@ Zeus
A pag 164 de: "I Padroni del Pianeta" di Riccardo Cascioli & Antonio Gaspari, Piemme 2009 è scritto:
"A Malthus si ispirarono sia Charles Darwin che Karl Marx. (...) Karl Marx stimava il lavoro di Malthus e nonostante pensasse che il pastore anglicano fosse un reazionario, considerò le scoperte di Malthus come utili esplicative per giustificare la lotta di classe".

Zeus ha detto...

Marx attinse da diverse fonti (disponibili), difatto trascorreva intere giornate alla British Library (di Londra) durante la sua permanenza britannica.
Quanto a "[Marx]considerò le scoperte di Malthus come utili esplicative per giustificare la lotta di classe" vuol dire che, a differenza di Malthus e i neo-Malthusiani attuali (che accarezzano l'idea di 2 mld e non oltre di persone), l'economia interviene massicciamente sul fattore ambientale.
Non sono ambientalista visto che questi consacratori dell'altare di Gaia presentano delle abbominevoli lacune, spauracchi, dati e analisi "di comodo".