venerdì 26 settembre 2008

Per un nuovo ambientalismo: cosa significa ambientalismo razionale ?

Dal blog di Ecomyths di L. Graham Smith

Non appena uno accenna a rifiutare l'ideologia dominante del moderno ambientalismo verde, c'è sempre qualcuno che tenta, attaccandolo, di farlo arruolare in modo forzoso ad altre ideologie opposte. Quelli che sono schiavi del dogma prevalente, fanno molta fatica a concepire che possano esistere prospettive alternative.
Questo post riassume scrupolosamente i concetti chiave dell'ambientalismo razionale come alternativa al dogma verde.
Fra i due estremi, le principali aree discriminanti sono:



  • la convinzione che il capitalismo del libero mercato fornisca le soluzioni ai problemi ambientali anzichè causarli
  • che i limiti alla crescita siano un costrutto ideologico e non una realtà fisica
  • una enfasi sulla globalizzazione sostenibile piuttosto che sulla sostenibilità globale
  • che l'isterismo e la scienza politicizzata siano espedienti per mettere in ombra e dissuadere la diffusione di un dibattito pubblico sulle opzioni politiche
  • che il riscaldamento globale è un mito che devia l'attenzione dai reali problemi, e
  • che non ci sono problemi ambientali che sono al di fuori della nostra capacità di risolverli.

Rifiutare il dogma prevalente non è un atto immorale o insensibile. Dissentire dal dogma non preclude la possibilità che una persona sia un ambientalista attivo e appassionato. Ciò richiede, comunque, una grande fermezza e maggiore responsabilità personale, aggiunte ad una buona volontà di pensare e agire in modo indipendente dalla massa.

1 commento:

MaRaNtZ ha detto...

Essere indipendente dalla massa non ti rende necessariamente più vicino alla realtà.